news

Beneficiari del reddito di cittadinanza: <br> condizioni in caso di assunzione

Beneficiari del reddito di cittadinanza:
condizioni in caso di assunzione

08/04/2019
Gestione delle paghe

Il datore che assume beneficiari del reddito di cittadinanza fruisce dell’esonero se rispetta alcune condizioni, una delle quali è stata inserita dalla legge di conversione: ecco la sintesi.

 

Incremento occupazionale – Anzitutto, l’agevolazione spetta se vi è un incremento netto del numero di dipendenti nel rispetto dei criteri ex art. 31, co. 1, lettera f), del D.Lgs. n. 150/2015, riferiti solo ai lavoratori a tempo indeterminato. Occorre, inoltre, che siano rispettati i principi generali ex art. 31 del medesimo D.Lgs.: l’incentivo non spetta, per esempio, se vi era un precedente obbligo di assunzione o se è stato violato il diritto di precedenza.

 

DURC, CCNL e disabili – Inoltre, la fruizione dell’incentivo è subordinata al rispetto:

  • delle condizioni stabilite dall’articolo 1, co. 1175, della legge 27 dicembre 2006, n. 296;

In base a tale norma, i benefici normativi e contributivi previ sono subordinati al possesso, da parte dei datori, del DURC, fermi gli altri obblighi di legge e al rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali nonché regionali, territoriali o aziendali, ove sottoscritti, stipulati dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

  • dell’ 3 della legge 12 marzo 1999, n. 68, che disciplina l’obbligo di assunzione dei disabili, salvo che l’assunzione riguardi un beneficiario di RDC iscritto alle liste dei disabili.

 

De minimis – Infine, l’agevolazione in esame è concessa nei limiti del regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione, del 18 dicembre 2013, relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti «de minimis»; del regolamento (UE) n. 1408/2013 sugli aiuti «de minimis» nel settore agricolo; e del regolamento (UE) n. 717/2014 sugli aiuti «de minimis» nel settore pesca e acquacoltura.

 

 

 

 

A cura di Alberto Bosco – Esperto di diritto del lavoro, Giuslavorista, Pubblicista de Il Sole24Ore. Consulente aziendale e formatore

Comments are closed.