FAQ • Processo tributario telematico

Ti basta per leggerlo tutto

L’organizzazione del deposito telematico

Possono essere ravvisate delle “buone pratiche” per procedere speditamente al deposito telematico di ricorsi e appelli mediante il SIGIT?

Assolutamente no.

Più che parlare di “speditezza” è opportuno procedere con “correttezza”.

Pertanto, ferma restando l’indicazione dei dati richiesti progressivamente nelle diverse schermate, un buon riscontro complessivo, e preventivo, deve riguardare, per tutti i file da caricare:

  • il formato non superiore a 10MB;
  • il formato PDF-A/1a o 1b;
  • la sottoscrizione digitale a cura del professionista con firma valida alla data di deposito;
  • la corretta identificazione del file per il tramite di un nome file congeniale (max 100 caratteri)
  • il rispetto degli standard tecnici che impongono, per gli atti, la caratteristica di essere un “atto digitale”, e per gli allegati la caratteristica di essere una “copia per immagine”


A cura di Carlo Nocera – Avvocato e giurista d’impresa

Con queste FAQ cerchiamo di risolvere i principali dubbi degli operatori che sono alle prese con il nuovo processo tributario telematico. Gli argomenti oggetto delle FAQ saranno trattati su questo portale anche in maniera più approfondita.

Email per categoria

Se vuoi essere aggiornato sui contenuti della rubrica "Processo tributario telematico", lascia la tua mail.

Registrandoti confermi di aver letto ed accettato la privacy *