FAQ • Vino e digitale

Ti basta per leggerlo tutto

Moratoria ABI, Decreto liquidità e reputazione del cliente per la banca: come funziona?

La mia società vitivinicola intende aderire agli strumenti messi a disposizione per favorire la liquidità aziendale in questo periodo di pandemia Covid. Ottenere queste moratorie pregiudica la reputazione che la mia azienda avrà nei prossimi 12 mesi nel sistema bancario? Se tra qualche mese farò un nuovo investimento, l’aver aderito alla moratoria mi metterà in difficoltà?

La Banca d’Italia identifica tre sottoclassi di crediti deteriorati (si veda circolare Banca d’Italia n°272):

  • Le sofferenze sono esposizioni verso soggetti in stato di insolvenza o in situazioni sostanzialmente equiparabili.
  • Le inadempienze probabili sono esposizioni (diverse da quelle classificate tra le sofferenze) per le quali la banca valuta improbabile, senza il ricorso ad azioni quali l’escussione delle garanzie, che il debitore adempia integralmente alle sue obbligazioni contrattuali.
  • Le esposizioni scadute e/o sconfinanti deteriorate sono esposizioni (diverse da quelle classificate tra le sofferenze o le inadempienze probabili) che sono scadute o eccedono i limiti di affidamento da oltre 90 giorni e oltre una predefinita soglia di rilevanza.

Accanto alle precedenti tipologie di crediti deteriorati le autorità di vigilanza europea hanno introdotto i crediti oggetto di concessione (forborne exposures). Sono crediti (deteriorati e/o in bonis) che sono oggetto di concessioni da parte della banca. Le moratorie sono appunto delle concessioni che costituiscono delle modifiche alle originarie condizioni contrattuali della linea di credito che la banca concede all’impresa cliente.

Diverse banche interrogate specificatamente sulla domanda posta dal lettore hanno dato risposte non univoche o confuse. La materia è molto tecnica e spesso non adeguatamente conosciuta o applicata allo sportello bancario. Suggeriamo in modo molto pragmatico di fare per iscritto alla banca questa domanda e di farsi dare per iscritto adeguata risposta: è l’unico modo per essere certi del trattamento futuro da parte della banca a cui avete fatto richiesta di chiarimento.

Email per categoria

Se vuoi essere aggiornato sui contenuti della rubrica "Vino e digitale", lascia la tua mail.

Registrandoti confermi di aver letto ed accettato la privacy *