FAQ • Fatturazione elettronica

Nel documento TD16 è obbligatorio inserire l’identificativo SDI?

Nel campo "DatiFattureCollegate" del documento TD16 va inserito obbligatoriamente l’identificativo SDI?

La Guida alla compilazione delle fatture elettroniche e dell’esterometro pubblicata dall’Agenzia delle Entrate il 23 novembre 2020, riporta che qualora venga trasmesso al sistema di interscambio il documento TD16 (Integrazione fattura reverse charge interno), nel campo <DatiFattureCollegate> va inserito l’identificativo SDI.

È utile rammentare che l’inserimento del suddetta informazione non è un obbligo, ma consente all’Agenzia delle Entrate di predisporre correttamente le bozze dei registri IVA acquisti e vendite che metterà a disposizione dei contribuenti. Se quindi nel campo <DatiFattureCollegate> viene inserito l’identificativo SDI, le suddette bozze dei registri IVA saranno prodotte correttamente, diversamente, se anziché inserire la suddetta informazione si inserisce per esempio la data e il numero della fattura dell’imprese di pulizie, sarà necessario intervenire a rettificare le bozze dei registri IVA acquisti e vendite.

È quindi possibile trasmettere il documento TD16 senza riportare nel campo <DatiFattureCollegate> l’identificativo SDI, e in tal caso il file trasmesso non sarà scartato dal sistema di interscambio mentre non verrà impartita alcuna sanzione amministrativa da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Email per categoria

Se vuoi essere aggiornato sui contenuti della rubrica "Fatturazione elettronica", lascia la tua mail.

Registrandoti confermi di aver letto ed accettato la privacy *