news

Trasformazione dei “vecchi” contratti in apprendistato professionalizzante

Trasformazione dei “vecchi” contratti in apprendistato professionalizzante

14/09/2016
Gestione delle paghe

L’articolo 5 del D.Lgs. 14 settembre 2011, n. 167 (ora abrogato per effetto delle disposizioni del D.Lgs. 15 giugno 2015, n. 81), disciplinava l’apprendistato di alta formazione e di ricerca.

L’articolo 43, co. 9, del D.Lgs. n. 81/2015 oggi vigente, dispone che, dopo il conseguimento della qualifica o del diploma professionale, nonché del diploma di istruzione secondaria superiore, per conseguire la qualificazione professionale ai fini contrattuali, è possibile la trasformazione del contratto in apprendistato professionalizzante: in tal caso, la durata massima complessiva dei 2 periodi di apprendistato non può eccedere quella individuata dalla contrattazione collettiva nazionale o interconfederale.

Con riguardo a quanto sopra, il Ministero (nella Nota 29 luglio 2016, prot. 14994) ha ammesso la possibilità di trasformare i contratti di apprendistato per il diploma di istruzione secondaria superiore, accesi sotto la vigenza del D.Lgs. n. 167/2011, in contratti di apprendistato professionalizzante, precisando – poiché la funzione dell’apprendistato professionalizzante è quella di far acquisire al giovane le conoscenze e la capacità tecnica necessarie per diventare lavoratore qualificato – che ciò è possibile (ex art. 43 del D.Lgs. n. 81/2015) a condizione  che la formazione impartita dal datore sia:

a) “necessaria”: nel senso che l’apprendista non deve essere già in possesso delle conoscenze e capacità previste per la qualifica professionale alla cui acquisizione l’apprendistato è finalizzato; nonché

b) “effettiva”: cioè che essa sia realmente impartita.

Ne deriva che, se la formazione non ha tali caratteristiche – da valutarsi caso per caso, a seconda del concreto atteggiarsi del rapporto di lavoro – il contratto di apprendistato diviene illegittimo, con conseguente obbligo, tra gli altri, di versamento della contribuzione piena.

A cura di Alberto Bosco – Esperto di diritto del lavoro, Giuslavorista, Pubblicista de Il Sole24Ore. Consulente aziendale e formatore.

Comments are closed.