news

L’Advertising su Facebook per aziende e professionisti – IX Parte

L’Advertising su Facebook per aziende e professionisti – IX Parte

26/04/2017
Idee digitali

Come utilizzare Facebook per aumentare la notorietà della marca.

 

Da poco Facebook ha introdotto un nuovo obiettivo pubblicitario: la notorietà della marca, finalizzato a mostrare le inserzioni alle persone che potrebbero trovarle più interessanti e che quindi potrebbero ricordarle più a lungo.

 

Quest’ultimo aspetto è una metrica che stima il numero di persone che ricorderanno l’inserzione entro due giorni dalla visualizzazione, e viene calcolata prendendo in considerazione i seguenti aspetti:

 

  • la copertura, ossia il numero di utenti raggiunti;
  • il tempo trascorso a guardare le inserzioni;
  • il rapporto tra l’attenzione prestata e i risultati dei sondaggi sul ricordo dell’inserzione.

 

 

Differenze con altri obiettivi pubblicitari

 

Rispetto all’obiettivo “Interazione” – che abbiamo già visto in questo articolo – la notorietà della marca genera in media un aumento del ricordo dell’inserzione superiore del 60%, proprio perché maggiore è il tempo trascorso nella visualizzazione e maggiore è la probabilità di ricordo.

 

La differenza la si riscontra anche rispetto all’obiettivo “Copertura” che mostra invece le inserzioni al numero più alto possibile di persone, con la possibilità di scegliere in anticipo la frequenza di visualizzazione (2 o più volte al giorno).

 

 

Come realizzare una campagna di notorietà

 

Dopo aver scelto l’obiettivo notorietà, si seleziona la propria pagina, si assegna un nome alla campagna e si procede con il completamento delle varie impostazioni della campagna.

 

  • Definizione del pubblico per luogo, età e genere.
  • Scelta dei posizionamenti: tra opzione “posizionamenti automatici” (le inserzioni saranno pubblicate sia su FB che Instagram) e “modifica posizionamenti” che permette di escludere alcuni luoghi di pubblicazione.
  • Impostazione del budget e della programmazione.
  • Scelta del formato pubblicitario tra un video, un’immagine, un carosello, uno slideshow oppure un’unità Canvas per mobile.
  • Inserimento del testo.

 

Scegliendo i vari formati, è poi possibile – tranne che per il Canvas – aggiungere anche il link al sito e l’inserzione diventa così linkabile. In più si può completare l’annuncio con l’integrazione di un pulsante di invito all’azione (Scopri di più, Prenota subito…).

 

Una volta avviata la campagna, sarà come sempre possibile monitorare le metriche e tenere sotto controllo il CPM, ossia il costo per visualizzazione che verrà pagato.

 

  

 

 

Idee digitali è la nuova rubrica del portale Sistemiamo l’Italia, pensata con l’obiettivo di offrire agli studi professionali e alle PMI consigli utili su come utilizzare i social network e sfruttare le possibilità offerte dal web per migliorare la comunicazione digitale, apportando vantaggi alla propria professione.

A cura di Eggers 2.0.

Comments are closed.