Processo civile telematico

Tempo di lettura:

Tempo di lettura:

Avvio del deposito telematico presso la Corte Costituzionale

Dal prossimo 3 dicembre sarà operativo il portale e-Cost, la piattaforma che consentirà di depositare e scambiare atti presso la Corte Costituzionale in modalità telematica. Vediamo cosa comporterà questo nuovo e importante passo verso la digitalizzazione della giustizia italiana.

Con Decreto del 28 ottobre 2021, sono state stabilite le modalità attuative per l’avvio del Processo Telematico presso la Corte Costituzionale. Il decreto entrerà in vigore il prossimo 3 dicembre – il testo è integralmente consultabile a questo link www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2021/11/03/21A06517/sg – e, in base alla normativa tecnica contenuta nell’allegato A al decreto medesimo, il Processo Costituzionale Telematico prevedrà delle modalità di deposito tramite “upload”. Sostanzialmente, quindi, accedendo al portale https://ecost.cortecostituzionale.it si potrà provvedere al caricamento diretto dei file da inoltrare alla Corte. Dal medesimo portale si potrà poi consultare lo stato del fascicolo e scaricare atti e documenti depositati dalle parti.

In relazione all’obbligatorietà del deposito telematico, la stessa varrà unicamente per i giudizi il cui atto introduttivo sia stato depositato in data successiva all’entrata in vigore del decreto 28 ottobre 2021.

Circa le caratteristiche dell’atto da depositarsi, il decreto – all’allegato A art. II comma 2 – specifica invece che il sistema permetterà il caricamento solo di file in formato .pdf o .p7m; questo – nonostante non si faccia specifico riferimento alle tipologie di firma digitale ammessa – sembrerebbe far presupporre la possibilità di sottoscrivere gli atti sia in CADES-BES che in PADES-BES.

Non sono previste, poi, specifiche disposizioni relative alle attestazioni di conformità o ai limiti dimensionali dei depositi, ma è presente una norma di chiusura – art. XV dell’allegato A – che rimanda, per tutto quanto non specificatamente previsto, alla normativa in materia di Processo Amministrativo Telematico.

Infine, sui limiti orari previsti per i depositi, si fa riferimento alle ore 24.00 del giorno di deposito, specificando che lo stesso potrà dirsi perfezionato con il corretto caricamento del file all’interno del portale e-Cost.

Email per categoria

Se vuoi essere aggiornato sui contenuti della rubrica "Processo civile telematico", lascia la tua mail.

Registrandoti confermi di aver letto ed accettato la privacy *