Innovazione digitale

Tempo di lettura:

Tempo di lettura:

Disservizi nei depositi telematici e fermo della consultazione anonima dei fascicoli

Nel corso degli ultimi giorni molti avvocati hanno sperimentato grossi disservizi nell’ambito dei depositi telematici civili. Tali problemi, che sembrerebbero essere riconducibili ad attività di manutenzione sui server e ad altri interventi di natura tecnica, hanno comportato disagi – a volte anche rilevanti – all’utenza del Sistema Giustizia, fra i quali:

  • ricezione della seconda PEC solo molte ore dopo l’invio della busta telematica
  • controlli automatici (terza PEC) contenenti messaggi di errore riguardanti la presunta scadenza dei certificati
  • invio di messaggi PEC doppi

Le problematiche de quibus, che in quasi tuti i casi si sono risolte senza conseguenze per il Difensore mittente, dovrebbero esaurirsi nel corso dei prossimi giorni; in ogni caso si raccomanda – quale regola di buon senso – di non depositare l’ultimo giorno utile per l’invio dell’atto.
Oltre a ciò si segnala che, con news di pochi giorni fa integralmente reperibile a questo link, è stata data notizia dell’avvenuta sospensione dei servizi di consultazione anonima dei registri di cancelleria attraverso il Portale dei Servizi Telematici del Ministero, ciò a causa di un intervento programmato sui server di sistema; è invece pienamente funzionante l’applicazione “Giustizia Civile” che offre il medesimo servizio per gli smartphone Apple e Android.
 
 
A cura di Luca Sileni – Avv.to iscritto all’ordine di Grosseto referente informatico dell’ODA di Grosseto e Segretario del Centro Studi Processo Telematico

Email per categoria

Se vuoi essere aggiornato sui contenuti della rubrica "Innovazione digitale", lascia la tua mail.

Registrandoti confermi di aver letto ed accettato la privacy *