news

Everywhere Commerce

Everywhere Commerce

19/08/2016
Idee digitali

La nuova frontiera dell’eCommerce

 

La sintesi tra spazio fisico e spazio digitale è l’argomento principale del grande dibattito sulla Digital Transformation e sulle possibili evoluzioni delle modalità di consumo. Secondo l’Osservatorio multicanalità 2015 “I consumatori italiani stanno via via abolendo la separazione concettuale tra fisico e digitale”. L’Osservatorio multicanalità è un progetto di ricerca della School of Management del Politecnico di Milano, Nielsen e Connexia, nato per monitorare l’evoluzione del consumatore multicanale e il ruolo di internet e della tecnologia nelle dinamiche di acquisto. Secondo l’ultimo rapporto, anche nel nostro paese si sta assistendo ad una evoluzione del concetto di e-Commerce verso customer journey personalizzati sempre più complessi ed un utilizzo sempre più consapevole della multicanalità.

 

Everywhere Commerce: è questa la direzione in cui sia i consumatori che le aziende stanno andando. Ma cosa significa Everywhere Commerce? L’ Everywhere Commerce si basa sul concetto che ogni contesto, luogo o momento può rappresentare un’occasione di contaminazione per l’acquisto.

 

Se l’e-Commerce sta progressivamente diventando Everywhere Commerce, è perché i meccanismi di acquisto stanno cambiando al fine di soddisfare i nuovi bisogni dei consumatori che a loro volta sono diventati degli Everywhere Shopper. L’Osservatorio multicanalità ha profilato questa tipologia di consumatori delineando delle caratteristiche ben precise.

 

Questi nuovi utenti appartengono alla categoria degli Hyper Reloaded, ovvero consumatori esperti e multicanale che hanno sviluppato capacità critiche e di navigazione che li porta verso una “smart choice”: la scelta intelligente con il migliore rapporto qualità/prezzo. Si tratta di una fascia di consumatori fortemente tecnologizzata, sempre connessa grazie a smartphome, tablet e palmari, attraverso i quali conducono l’intero processo di decisione e acquisto.

 

Dai dati emerge che gli Everywhere Shopper sono per il 59% uomini e tra i 24 e i 44 anni (generazione X e millenials), acquistano online, utilizzano prevalentemente il mobile, sono amanti dell’innovazione e utilizzano la tecnologia in maniera pragmatica e intelligente, in cerca di un alto livello di servizio. Sono proprio questa tipologia di consumatori ad essere considerati i consumatori del futuro.

 

Per questa tipologia di consumatori la multicanalità rappresenta una pratica comune vissuta nella quotidianità all’interno del processo di acquisto e indipendentemente dalla tipologia di prodotto e dal brand, registrando al contempo nuovi comportamenti sempre più indirizzati all’accessibilità, semplicità e immediatezza. Questo nuovo trend porta con sé la necessità di rinnovamento e di ripensare il modo in cui le aziende comunicano. Quali sono gli aspetti fondamentali che caratterizzano questo cambiamento?

 

Mobile First

Lo shopping online è una tendenza oramai più che confermata, infatti a marzo 2015 gli utenti che si sono collegati almeno una volta sono stati circa 28,5 milioni. La total digital audience, nel giorno medio è stata di 21,5 milioni di utenti, online per circa 2 ore in media per persona. Ma è il ruolo del mobile l’elemento centrale di questa evoluzione verso l’Everywhere Commerce.

 

Il mobile è il nuovo strumento principale da cui i consumatori consultano e acquistano: nel 2015 si è registrato infatti una crescita del 20% con un picco notevole tra i millennials. Considerando il tempo di utilizzo dello Smartphone nel giorno medio, risulta che il 65% del tempo è dedicato ad attività connesse alla rete, molte delle quali dedicate all’acquisto. Questa crescita estremamente rilevante dell’utilizzo del mobile non è solo una conseguenza, ma anche una delle cause che hanno portato il processo di acquisto verso un l’approccio “qui e adesso”.

 

Multicanalità

Le imprese stanno iniziando a ripensare ad una comunicazione multicanale online e offline cercando di sfruttare tutti i touch points in grado di raggiungere potenziali clienti in modo sinergicamente coordinando “contenuto” con il “canale” e con il “contesto”. Questo tipo di approccio comunicativo presuppone una strategia differenziata per ogni canale, ma allo stesso tempo coerente.

 

Secondo L’Osservatorio il 78% delle imprese analizzate, progetta e produce contenuti in maniera differenziata sui diversi canali e solo il 22% delle aziende dichiara di non differenziare in alcun modo i contenuti in una comunicazione multicanale. Dalle ricerche inoltre emerge che le imprese che hanno abbracciato l’approccio multicanale hanno una maggior propensione all’innovazione in termini di proattività nel rivolgersi a nuovi clienti (37%), propensione ad approcciare nuovi mercati (47%), innovazione di prodotto/servizio (43%) e ricerca di soluzioni tecnologiche “innovative” (32%).
In conclusione, possiamo affermare che l’Everywhere Commerce è un’evoluzione necessaria per soddisfare le nuove esigenze dell’Everywhere Shopper che rappresenta il segmento più evoluto del mercato e che incarna il consumatore del futuro. Per coinvolgere l’Everywhere Shopper però le aziende devono imparare a trasformare ogni contesto, luogo o momento, in un potenziale momento d’acquisto.

 

****

Idee Digitali è la nuova rubrica del portale Sistemiamo l’Italia, pensata con l’obiettivo di offrire agli studi professionali e alle PMI consigli utili su come utilizzare i social network e sfruttare le possibilità offerte dal web per migliorare la comunicazione digitale, apportando vantaggi alla propria professione.

A cura di Eggers 2.0.

Comments are closed.