FAQ • Innovazione digitale

Da cosa è generato il messaggio di errore conseguente al deposito digitale di una nomina scansionata?

Devo provvedere al deposito di una nomina ex art. 415 bis c.p.p. Ho tentato di trasmettere digitalmente la scansione del documento sottoscritto dal cliente e da me autenticato, ma – dopo aver caricato il file – il sistema mi ha restituito un messaggio di errore. Cosa devo fare?

L’errore generato dai sistemi di segreteria è, con tutta probabilità, ascrivibile alla trasmissione di una scansione di documento anziché di un PDF nativo digitale. Come è noto, l’art. 4 del provvedimento DGSIA dell’11 maggio 2020, prevede che: “L’atto del procedimento in forma di documento informatico, da depositare telematicamente presso l’ufficio del pubblico ministero, rispetta i seguenti requisiti:

  • è in formato PDF;
  • è ottenuto da una trasformazione di un documento testuale, senza restrizioni per le operazioni di selezione e copia di parti; non è pertanto ammessa la scansione di immagini;
  • è sottoscritto con firma digitale o firma elettronica qualificata”.

In virtù di ciò non sarà possibile trasmettere delle scansioni come atto principale del deposito penale.

Posto però che la stragrande maggioranza delle nomine viene redatta in forma cartacea, stante l’indisponibilità di una firma digitale per buona parte degli imputati, si potrà ovviare al problema depositando come atto principale del procedimento una semplice nota di deposito (quindi nativa digitale e non scansionata) e allegare al medesimo invio la scansione – sottoscritta digitalmente – della procura rilasciata dal cliente.

Email per categoria

Se vuoi essere aggiornato sui contenuti della rubrica "Innovazione digitale", lascia la tua mail.

Registrandoti confermi di aver letto ed accettato la privacy *