FAQ • Crisi di impresa

Gli effetti della pandemia rendono difficoltosa l’applicazione degli strumenti relativi alla crisi d’impresa?

Fermo restando la postergazione dell’entrata in vigore del D. Lgs. 14/2019, indicata al 1° settembre 2021, ci si chiede se gli effetti della pandemia possano rendere difficoltosa l’applicazione degli strumenti relativi alla crisi d’impresa.

Ad oggi l’introduzione delle disposizioni contenute nel D. Lgs. 14/2019 risulta postergata al 1° settembre 2021, sebbene in effetti già si parli di rischio di congestione, soprattutto in funzione del ruolo in capo all’Ocri.

Una delle ragioni è certamente da ricondurre agli effetti causati dal Covid-19 che ha determinato scenari imprevedibili soprattutto per quel che concerne la struttura finanziaria delle imprese in termini di indebitamento, se consideriamo il ricorrente accesso ai prestiti assistiti da garanzie statali, nonché il congelamento temporaneo dei pagamenti tributari ecc.

Da qui i dubbi in merito all’introduzione tout court del nuovo Codice.

Detto ciò, è altrettanto evidente che un’inerzia in tal senso potrebbe rallentare il processo di riorganizzazione aziendale fondamentale per costruire un assetto idoneo alla rilevazione tempestiva dei sintomi della crisi.

Da qui la necessità di introdurre metodologie di analisi di natura gestionale in grado di meglio orientare le scelte dell’imprenditore in un’ottica meramente strategica.

L’analisi storica dei dati di bilancio potrebbe infatti risultare insufficiente rispetto a sistemi di analisi volti al controllo di gestione capaci di evidenziare la profittabilità o meno delle singole aree di business o linee di prodotto.

Fermo restando quindi gli strumenti di rilevazione della crisi previsti dal Nuovo Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza, è bene ripensare i modelli di governance attuali, diffondendo una nuova cultura aziendale per la quale sia imprescindibile il focus sugli aspetti gestionali e finanziari (fattibilità economica e sostenibilità finanziaria).

Email per categoria

Se vuoi essere aggiornato sui contenuti della rubrica "Crisi di impresa", lascia la tua mail.

Registrandoti confermi di aver letto ed accettato la privacy *