Innovazione digitale

Tempo di lettura:

Tempo di lettura:

Il potere di attestazione di soggetti diversi dal difensore

La dottrina e la giurisprudenza si occupano oramai da anni del potere di attestazione di conformità del difensore della parte costituita, ma più di rado è stata oggetto di analisi la disciplina nella sua interezza.
L’art. 16bis comma 9bis del D.L. 179/2012, infatti, prevede che non solo il difensore ma anche “il dipendente di cui si avvale la pubblica amministrazione per stare in giudizio personalmente, il consulente tecnico, il professionista delegato, il curatore ed il commissario giudiziale possono estrarre con modalità telematiche duplicati, copie analogiche o informatiche” di atti processuali di parte, di atti dell’ausiliario del Giudice e di provvedimenti di quest’ultimo.
Il potere certificativo conferito dal suddetto art.16bis, quindi, non si limita alla figura del Difensore delle parti costituite, ma si estende a soggetti quali: il Consulente Tecnico di Ufficio, il Delegato, il Curatore Fallimentare ed il Commissario Giudiziale, che – analogamente – potranno estrarre copia di atti e provvedimenti presenti nel fascicolo telematico e attestarne la conformità.
Come per il sopra citato art. 16bis comma 9bis, però, il Decreto Legge 179/2012 estende – a detti soggetti – il potere/dovere di attestazione di conformità anche per il caso di deposito telematico di copia digitale di atto o provvedimento analogico.
L’art. 16decies D.L.179/2012, infatti, ricalca integralmente la dicitura anzidetta richiedendo che ad operare l’attestazione de qua siano anche il C.T.U., il Delegato, il Curatore Fallimentare etc…
Qualora, tanto per esemplificare, il C.T.U. dovesse depositare in allegato al proprio elaborato peritale, copie autentiche oppure originali di atti o provvedimento cartacei di altro procedimento giudiziale (ad esempio la copia autentica di una sentenza o di un atto di parte depositato in altra procedura) dovrà attestarne la conformità dopo aver scansionato il documento stesso.
Il legislatore, concludendo, ha quindi previsto una disciplina unitaria sia per i poteri certificativi dei difensori delle parti costituite che per quelli degli altri soggetti espressamente indicati dall’art. 16bis comma 9bis D.L. 179/2012.
 
A cura di Luca Sileni – Avv.to iscritto all’ordine di Grosseto referente informatico dell’ODA di Grosseto e Segretario del Centro Studi Processo Telematico.

Email per categoria

Se vuoi essere aggiornato sui contenuti della rubrica "Innovazione digitale", lascia la tua mail.

Registrandoti confermi di aver letto ed accettato la privacy *