Lavoro e HR

Tempo di lettura:

Tempo di lettura:

Incentivo a “mettersi in proprio” per i beneficiari di reddito di cittadinanza

Con il decreto ministeriale 12 febbraio 2021, entrato in vigore il 30 maggio scorso, sono state definite le modalità di richiesta e di erogazione del bonus a favore dei beneficiari di reddito di cittadinanza che decidono di avviare un’attività in proprio. Vediamo quali sono i requisiti per ricevere il contributo addizionale, le modalità di erogazione e quando può essere revocato.

Come previsto dall’art. 8, co. 4, del D.L. 28 gennaio 2019, n. 4, ai beneficiari di reddito di cittadinanza, che avviano un’attività lavorativa autonoma o di impresa individuale o una società cooperativa nei primi 12 mesi di fruizione del RDC, è riconosciuto un beneficio addizionale una tantum di 6 mensilità del RDC, nei limiti di 780 euro mensili. Il 30 maggio è entrato in vigore il decreto ministeriale 12 febbraio 2021 che regola le modalità di richiesta ed erogazione di tale “beneficio addizionale” a favore degli interessati, in possesso di questi requisiti:

  • sono componenti di un nucleo familiare beneficiario di RDC in corso di erogazione;
  • hanno avviato, nei primi 12 mesi di RDC, un’attività lavorativa autonoma o di impresa individuale o hanno sottoscritto una quota di capitale sociale di una cooperativa in cui il rapporto mutualistico ha a oggetto la prestazione lavoro da parte del socio;
  • non hanno cessato, nei 12 mesi precedenti, una delle attività di cui appena sopra;
  • non sono parte di nuclei familiari beneficiari di RDC che hanno già fruito di quanto in esame.

L’avvio delle attività va comunicato con il modello “COM Esteso” entro 30 giorni. Il beneficio è riconosciuto dall’Inps, che può condurre le opportune verifiche, in un’unica soluzione, con accredito sul cc o bonifico. Il beneficio è revocato se: l’attività di lavoro cessa prima di 12 mesi, se il percettore cede la sua quota di capitale sociale di una cooperativa entro i 12 mesi; se è revocato il RDC o se il beneficiario è dichiarato decaduto per un provvedimento del giudice.

Email per categoria

Se vuoi essere aggiornato sui contenuti della rubrica "Lavoro e HR", lascia la tua mail.

Registrandoti confermi di aver letto ed accettato la privacy *