news

Social Media Analytics

Social Media Analytics

27/11/2017
Idee digitali

Cos’è e come funziona

 

Oggi misurare in modo efficace la performance social del proprio brand è un imperativo da cui non si può prescindere.

 Un’attività di analisi attenta e costante, infatti, aiuta a migliorare la propria strategia aziendale online, a partire dalla comprensione delle azioni e dei pensieri degli utenti.

La Social Media Analytics permette di analizzare, tracciare e monitorare le attività attraverso l’utilizzo di specifici strumenti, aiutando proprio ad ascoltare la rete e le conversazioni sul brand e a determinare se grazie all’attività social che si sta svolgendo vi sia un ritorno sull’investimento (ROI – Return on Investment).

Quindi non si tratta solo di raccogliere dei dati elencandoli, ma di elaborarli per fornire una visione complessiva da cui possano emergere punti di forza e debolezza della propria strategia.

 

Per riassumere, ecco i principali vantaggi derivanti dall’attuazione di una Social Media Analytics:

  1. avere dei parametri oggettivi per valutare il proprio lavoro sui social;
  2. riadattare obiettivi e strategia;
  3. riconoscere il pubblico più attivo e coinvolto;
  4. individuare i social su cui i propri prodotti e servizi raggiungono in modo più efficace il target di riferimento;
  5. incrociare e confrontare i dati derivanti dai social con quelli del sito.

 

Alla luce di questo, tutti i social media si sono dotati di strumenti di analytics utili per attuare un monitoraggio settimanale. Sono infatti molto semplici da utilizzare e forniscono statistiche in tempo reale, in modo da poter intervenire subito per invertire o seguire la rotta. Ecco alcuni esempi:

 

STRUMENTI UTILI

Oltre ai sistemi messi a disposizione dai vari social media, esistono altri strumenti molto utili che offrono un insieme di funzioni importanti.

Partiamo da Cyfe e SumAll, due strumenti che riuniscono in un’unica piattaforma tutti i dati della propria attività online. Il primo presenta il vantaggio di aggregare sia i dati provenienti dai social che quelli di altri domini; il secondo prevede l’integrazione con piattaforme di e-commerce e di pagamento, di email marketing (Mailchimp) e di advertising (AdWords).

 

Quintly è invece un tool professionale di social media analytics che offre analisi dettagliate e comparazioni con i competitor.

 

Keyhole è utile per monitorare argomenti e conversazioni online, tracciando profili target vicini al brand.

 

Per quanto riguarda invece l’Influencer Marketing, sempre più presente nelle strategie di social media, c’è Klout, un’applicazione web che permette di calcolare il proprio livello di influenza sui social. Per un’azienda che vuole capire chi sono gli influencers di uno specifico settore può essere uno strumento molto utile.

 

Il passaggio successivo è garantito da Buzzoole, una piattaforma che mette in contatto brand e influencer per realizzare delle campagne.

*****

 

Utilizzando i tool a disposizione si avrà la possibilità di realizzare un’attività di analytics completa, in grado di stabilire quali sono i parametri che influenzano l’andamento delle proprie performance online, quali i progressi fatti e come inserirli nel piano editoriale.

 

 

 

Idee digitali è la nuova rubrica del portale Sistemiamo l’Italia, pensata con l’obiettivo di offrire agli studi professionali e alle PMI consigli utili su come utilizzare i social network e sfruttare le possibilità offerte dal web per migliorare la comunicazione digitale, apportando vantaggi alla propria professione.

A cura di Eggers 2.0.

Comments are closed.