news

Visual Storytelling

Visual Storytelling

27/10/2017
Idee digitali

Consigli e app per le nostre immagini

 

Da sempre le persone amano leggere e ascoltare storie. Fare storytelling significa costruire un racconto ma anche esaudire un desiderio e regalare, quando è fatto bene, un piccolo piacere.

Come sappiamo, non solo le parole formano una narrazione ma anche le immagini. In questo caso, si parla di Visual Storytelling, una modalità attraverso cui la narrazione si forma prevalentemente come un racconto per immagini e video.

Le immagini dominano ovunque, in primis nel mondo dei social media, perché sono evocative e parlano un linguaggio universale, vengono elaborate più velocemente dal nostro cervello e sono memorizzate in percentuale maggiore rispetto al testo scritto.

Utilizzare semplicemente foto ed elementi visivi, però, non basta. Soprattutto se stiamo lavorando per comunicare la mission di un brand o della nostra piccola azienda. C’è bisogno di un discorso strategico ampio e ben pianificato.

 

Cinque preziose regole per un Visual Storytelling ben fatto.

 

  1. Target e obiettivi

Cosa voglio comunicare e quali obiettivi intendo raggiungere? Sono le prime due domande da porsi per poter elaborare una strategia funzionante.

 

  1. La forza del racconto

Chiariti i primi passaggi, si arriva al come farlo. Abbiamo scelto di utilizzare il Visual Storytelling, bene. Bisogna costruire lo schema del nostro racconto, la struttura portante: chi sono i protagonisti, cosa accade, quando accade.

 

  1. La qualità delle immagini

Passiamo al cosa: attraverso elementi visivi che siano riconoscibili, accattivanti, capaci di esprimere il valore e i messaggi del proprio racconto. L’ideale è utilizzare contenuti originali, creati ad hoc, autentici ed evitare immagini finte.

Se invece non si ha la possibilità di realizzarle, occorre operare una selezione tra quelle che si trovano su banche dati come Shutterstock e iStock, dove si possono prendere a pagamento, oppure su archivi gratuiti come Unsplash e Pixabay, dove c’è comunque molta scelta.

 

  1. Oltre le foto

Si possono creare o scegliere video, ma anche illustrazioni e infografiche, così come le GIF, immagini in movimento che ultimamente vanno per la maggiore e che si possono trovare disponibili su siti dedicati come Giphy, dove sono organizzate per temi e parole chiave.

 

  1. No all’autoreferenzialità, sì all’originalità

Non mettere mai sempre al centro il prodotto che, ricordiamolo, può essere raccontato in tanti modi diversi al di là della semplice azione pubblicitaria.

L’importante è dar vita ad un racconto con immagini e parole che sia coinvolgente ed emozionante e che punti a stabilire una relazione con il proprio pubblico.

 

 

Alcuni strumenti utili

 

Per chi invece preferisce realizzare i propri contenuti, abbiamo alcuni suggerimenti sulle app che si possono utilizzare per migliorare ed editare immagini.

 

PRISMA

Un’app molto particolare che, per modificare foto su iPhone e Android, utilizza una procedura di photo editing basata sull’intelligenza artificiale ed effetti colorati che richiamano lo stile di famosi artisti.

 

VSCO

È un’app che offre un’ampia gamma di preset ed effetti, ed è sempre disponibile per entrambi i sistemi, iOS e Android.

 

SNAPSEED

È uno strumento di editing professionale disponibile sia per iOS che per Android. In particolare, lavora con file pesanti (DNG e RAW).

 

ADOBE PHOTOSHOP TOUCH

Una delle migliori app mobile per editare foto, perché permettere di compiere più azioni: unire rapidamente le immagini, applicare effetti professionali e condividere il risultato finale. È disponibile per tablet e smartphone Android, ma anche per iPad, iPhone e iPod Touch.

 

AFTERLIGHT

App a pagamento utile per modificare le immagini da caricare su Instagram con i suoi 59 filtri e numerosi strumenti per regolare e settare le immagini.

 

CINEMATIC

È un’app a pagamento per iPhone che permette di creare brevi video utilizzando filtri ed effetti preimpostati.

 

THINGLINK

È un tool per creare tante tipologie di grafiche animate. È disponibile sia in versione basic gratuita che in versione pro a pagamento.

 

CANVA

Uno strumento per realizzare in modo pratico e veloce dei contenuti grafici da condividere immediatamente sui social. Si può scegliere tra formati preimpostati e sono disponibili immagini, font e template, sia gratuiti che a pagamento.

 

 

 

 

 

 

 

Idee digitali è la nuova rubrica del portale Sistemiamo l’Italia, pensata con l’obiettivo di offrire agli studi professionali e alle PMI consigli utili su come utilizzare i social network e sfruttare le possibilità offerte dal web per migliorare la comunicazione digitale, apportando vantaggi alla propria professione.

A cura di Eggers 2.0.

Comments are closed.