news

Webinar, nuovi metodi di auto-formazione

Webinar, nuovi metodi di auto-formazione

16/02/2016
Idee digitali

Esplorare limportanza dei webinar per un aggiornamento professionale in tempo reale e non solo.

 

 

Web-based seminarè l’origine della parola webinar, un neologismo che nasce dall’unione di web e seminar che, come suggerisce l’etimologia, è un evento live che può assumere la forma di un seminario, una lezione,un workshop oppure un corso di formazionein più sessioni, che viene trasmesso online.

 

Il webinar si distingue per tre aspetti in particolare:

  • la diretta e quindi l’evento in tempo reale;
  • la comodità della fruizione da remoto perché può essere seguito da casa, dall’ufficio o da un qualunque luogo che abbia accesso a Internet;
  • l’interattività intesacome possibilità per più persone di collegarsi in contemporanea e partecipare attivamente.

 

Come funziona un webinar?

La modalità di svolgimento è molto semplice e replica online quella che potrebbe essere la lezione in un’aula reale. In genere, si riceve una mail/invito contenente l’indicazione della data e dell’ora, il link a cui collegarsi e le istruzioni che permettono di effettuare la registrazione in pochi passaggi.

 

Una volta dentro, una webcam mostra a tutti il relatore e sullo schermo sarà possibile vederlo e ascoltare la sua voce, così come sarà possibile vedere eventuali slide che nel frattempo il relatore commenta. I partecipanti, come abbiamo anticipato, possono intervenire per commentare, fare domande e chiedere approfondimenti. Questo può avvenire anche attraverso una chat.

 

In genere, i webinar si concludono con la condivisione del materiale presentato e con la somministrazione di questionari sul gradimento dello stesso. Inoltre, è anche possibile effettuare la registrazione dell’evento per tenerne traccia.

 

Perché il webinar?

Oggi i webinar sono molto utilizzati dalle aziende perché sono degli strumenti efficienti e pratici, in quanto garantiscono la qualità in tempi rapidi e immediati e con dei costi molto contenuti. Permettono di raggiungere un pubblico su larga scala, quindi potenziali clienti in tutto il mondo, e al tempo stesso, possono indirizzarsi ad un target mirato così come possono aiutare a fidelizzare i propri clienti, orientandoli e formandoli su determinati temi e servizi.

 

La formazione è infatti il campo prediletto per l’applicazione dei webinar, ma anche la comunicazione interna aziendale è un terreno fertile per favorire il lavoro in team soprattutto quando si lavora a distanza. I webinar, inoltre, si usano molto anche per integrare o portare direttamente sul virtuale gli incontri aziendali (meeting, riunioni), così come anche eventi di comunicazione (conferenza stampa) e soprattutto eventi di presentazione di nuovi prodotti e servizi.

 

Un’opportunità importante è rappresentata dalla possibilità di fare lead generation, ossia creare una lista/database accurata di clienti interessati attraverso i dati e le informazioni ricevute durante il webinar (dal momento della registrazione al questionario finale).

 

Piattaforme per i webinar

Per lo svolgimento di un webinar bisogna appoggiarsi ad una piattaforma dedicata, in grado di sostenere tutti gli aspetti tecnici dell’evento. In questo senso, ci sono molte piattaforme, sia free che a pagamento, ognuna con delle funzioni specifiche.

 

Tra queste spiccano Docebo per fare e-learning modulare, Teachable e GoToMeeting. Casi interessanti sono Google, che utilizza Hangout con questo fine, e Moodle, una piattaforma di e-learning gratuita open source.

 

****

Idee Digitali è la nuova rubrica del portale Sistemiamo l’Italia, pensata con l’obiettivo di offrire agli studi professionali e alle PMI consigli utili su come utilizzare i social network e sfruttare le possibilità offerte dal web per migliorare la comunicazione digitale, apportando vantaggi alla propria professione.

A cura di Eggers 2.0.

Comments are closed.