FAQ • Lavoro e HR

Quali le regole di base per la proroga del contratto a termine?

Al netto delle varie disposizioni derogatorie, emanate per gestire l’emergenza da COVID-19, la proroga soggiace alle seguenti regole stabilite dall’art. 21 del D.Lgs. n. 81/2015:

1) il contratto può essere prorogato liberamente nei primi 12 mesi e, successivamente, solo in presenza delle condizioni di cui all’art. 19, co. 1;

2) il termine può essere prorogato, con il consenso del lavoratore (e quindi con atto scritto firmato da entrambe le parti), solo quando la durata iniziale del contratto sia inferiore a 24 mesi, e, comunque, per un massimo di 4 volte nell’arco di 24 mesi a prescindere dal numero dei contratti.

Email per categoria

Se vuoi essere aggiornato sui contenuti della rubrica "Lavoro e HR", lascia la tua mail.

Registrandoti confermi di aver letto ed accettato la privacy *