FAQ • Lavoro e HR

Quanti “rinnovi” dello stesso contratto si possono porre in essere?

Quante volte può essere rinnovato lo stesso contratto a termine?

La risposta alla domanda, che tiene conto dei criteri di computo individuati dal Ministero del lavoro nella circolare 2 maggio 2008, n. 13, dipende dalla durata del primo contratto a termine e da quella di ogni rinnovo. A titolo di esempio:

  • un contratto a termine stipulato in agosto (dal 1° al 31 del mese), per sostituire un lavoratore che si assenta per ferie, può essere concluso per la prima volta nell’agosto 2021 e può essere rinnovato per altre 23 volte per la durata di un mese ciascuna;
  • se il dipendente si assenta solo per 15 giorni, invece, è ammesso un primo contratto per la sua sostituzione di 15 giorni: in tal caso, sono possibili altri 47 rinnovi, ciascuno di 15 giorni.
Email per categoria

Se vuoi essere aggiornato sui contenuti della rubrica "Lavoro e HR", lascia la tua mail.

Registrandoti confermi di aver letto ed accettato la privacy *