FAQ • Crisi di impresa

Sono previsti interventi del Governo per evitare l’adozione fedele del Codice della crisi a seguito della pandemia?

A causa della pandemia da Covid-19, sono previsti interventi di riforma da parte del Governo sul "Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza"?

Il decreto Liquidità ha stabilito il rinvio del sistema di allerta al 1° settembre 2021. Si tratta sicuramente di un primo intervento governativo a cui se ne sono aggiunti altri, quali, la possibilità di copertura delle perdite nel quinquennio successivo all’anno 2020, piuttosto che le iniziative con riferimento alla sospensione degli ammortamenti o alla rivalutazione delle immobilizzazioni.

Da ultimo la decisione a opera della Ministra Marta Cartabia, con il decreto del 22 aprile 2021, di istituire una Commissione che ha come obiettivo quello di elaborare le proposte di interventi sul “Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza”. Il tutto finalizzato a ripristinare la ratio ispiratrice e l’obiettivo del Codice della crisi, ovvero quello di salvare e non condannare le imprese e la loro continuità, limitando gli effetti dell’eccezionalità degli eventi pandemici, che le imprese stanno vivendo. Pertanto, non ci resta che attendere le modifiche che la Commissione proporrà, modifiche che saranno sicuramento calibrate sulla condizione di crisi nazionale e mondiale a cui si sta assistendo.

Email per categoria

Se vuoi essere aggiornato sui contenuti della rubrica "Crisi di impresa", lascia la tua mail.

Registrandoti confermi di aver letto ed accettato la privacy *