news

Così la procedura per l’Incentivo NEET

Così la procedura per l’Incentivo NEET

23/02/2018
Gestione delle paghe

Per godere dell’Incentivo Occupazione NEET, pari alla contribuzione previdenziale a carico del datore, esclusi premi e contributi Inail, per 12 mesi dalla data di assunzione, nel limite di 8.060 euro annui per lavoratore assunto, riparametrato e applicato su base mensile, i datori interessati devono inviare all’Inps un’istanza preliminare di ammissione, tramite l’apposito modulo telematico (non ancora disponibile), indicando i dati relativi all’assunzione (già effettuata o che si intende effettuare). L’Istituto agisce come di seguito indicato:

a) determina l’incentivo in relazione alla durata e retribuzione del contratto sottoscritto: in caso di lavoro a tempo parziale il massimale viene ridotto in misura proporzionale;

b) verifica i requisiti di ammissione al beneficio;

c) accerta la disponibilità residua delle risorse;

d) se spettante, comunica la prenotazione dell’importo dell’incentivo a favore del datore.

Entro 10 giorni dalla ricezione della comunicazione di prenotazione da parte dell’Inps, il datore di lavoro deve – a pena di decadenza – effettuare l’assunzione (se ancora non l’ha fatto) e confermare quindi la prenotazione a suo favore: dopo l’autorizzazione Inps, l’erogazione avviene mediante conguaglio sulle denunce contributive.

 

In ogni caso, l’Istituto autorizza il beneficio nel limite delle risorse stanziate, sulla base della stima previsionale del costo legato a ogni singola assunzione agevolata (cfr. tabella che segue).

 

COSÌ LE AUTORIZZAZIONI INPS
L’assunzione è avvenuta …. Criterio di precedenza utilizzato
Prima della diffusione
del modulo telematico
Ordine cronologico di decorrenza dell’assunzione
Dopo la diffusione
del modulo telematico
Ordine cronologico di presentazione
dell’istanza preliminare

 

Va evidenziato che i 100 milioni di euro stanziati per questa misura consentono di “incentivare” solamente 12.407 assunzioni, per cui – se si è interessati e si possiedono tutti i requisiti previsti – è bene non indugiare troppo.

 

 

 

A cura di Alberto Bosco – Esperto di diritto del lavoro, Giuslavorista, Pubblicista de Il Sole24Ore. Consulente aziendale e formatore

Comments are closed.