Lavoro e HR

Tempo di lettura:

Tempo di lettura:

Nuovo modulo per la comunicazione del lavoro agile

L’articolo 23 della legge 22 maggio 2017, n. 81, al comma 1, dispone espressamente che l’accordo per lo svolgimento della prestazione in modalità di lavoro agile e le sue modificazioni sono oggetto delle comunicazioni di cui all’articolo 9-bis del decreto legge 1° ottobre 1996, n. 510, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 novembre 1996, n. 608; in termini più semplici, l’accordo raggiunto tra le parti, con cui si stabilisce che parte della prestazione potrà essere resa al di fuori dei locali aziendali, deve essere comunicato al CPI.
 

Nota Bene L’accesso alle funzionalità on line per la trasmissione degli accordi di lavoro agile è consentito solo a chi è in possesso:

a) delle credenziali SPID, rilasciate da uno qualsiasi dei gestori incaricati dall’AgID;

b) di credenziali attive rilasciate dal portale cliclavoro a incaricati, da parte del datore di lavoro, della trasmissione, in quanto consulenti del lavoro o altri soggetti abilitati.

 
Come preannunciato dall’Inail (a tale proposito si veda la circolare 2 novembre 2017, n. 48), a partire da mercoledì 15 novembre scorso è stato istituito e reso disponibile sul portale www.cliclavoro.gov.it il nuovo modulo denominato “Comunicazione Smart Working”.
 
Per la compilazione del modulo – diviso in 5 sezioni – occorre anzitutto inserire i dati delle parti (prime 2 sezioni). Nella terza sezione “Rapporto di lavoro” va indicata la data di inizio, ossia di assunzione; la tipologia di contratto (tempo indeterminato, determinato o apprendistato), PAT e voce di tariffa Inail. Nella sezione 4 va indicata la data in cui è stato firmato l’accordo, se questo è a tempo determinato o indeterminato e, infine, la sua durata, espressa in mesi (ciò solo se si è indicato che l’accordo è “a termine”). Infine, la sezione 5 contiene i dati di invio: tipo di comunicazione (inizio, modifica o annullamento); la data di invio e il codice identificativo della comunicazione attribuito automaticamente da parte del sistema.
 
A cura di Alberto Bosco – Esperto di diritto del lavoro, Giuslavorista, Pubblicista de Il Sole24Ore. Consulente aziendale e formatore.

Email per categoria

Se vuoi essere aggiornato sui contenuti della rubrica "Lavoro e HR", lascia la tua mail.

Registrandoti confermi di aver letto ed accettato la privacy *