Processo civile telematico

Tempo di lettura:

Tempo di lettura:

Processo Civile Telematico – Le attestazioni di conformità: normativa e formulari (terza parte)

Nella prima e nella seconda parte di questa breve analisi delle attestazioni di conformità nell’ambito del processo civile telematico, ci siamo occupati dell’estrazione di atti e provvedimenti nonché dei depositi di parte nel fascicolo della procedura.

In questa ultima parte, invece, ci occuperemo delle attestazioni di conformità relative alle notificazioni in proprio via PEC.

La Legge di riferimento è la n. 53 del 1994 sulle notificazioni in proprio che, agli articoli 3bis e 9 comma 1bis e 1ter, tratta specificatamente di questa casistica.

In primis, per il caso di trasmissione via PEC di atti o provvedimenti formati su supporto analogico, l’art. 3bis comma 2 stabilisce: “Quando l’atto da notificarsi non consiste in un documento informatico, l’avvocato provvede ad estrarre copia informatica dell’atto formato su supporto analogico, attestandone la conformità all’originale a norma dell’articolo 22, comma 2, del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82. La notifica si esegue mediante allegazione dell’atto da notificarsi al messaggio di posta elettronica certificata.”

L’articolo de quo si riferisce alla notificazione di atti cartacei tramite lo strumento della PEC. Logicamente, al fine di generare una notificazione che abbia un valore giuridico equiparabile a quella tramite Ufficiale Giudiziario, il documento oggetto di scansione dovrà essere posseduto dall’Avvocato notificante in originale o copia conforme.

La norma de qua dovrà poi essere coordinata con il disposto di cui all’art. 16 undecies D.L.179/2012

Comma 2 e 3:

2. Quando l’attestazione di conformità si riferisce ad una copia informatica, l’attestazione stessa è apposta nel medesimo documento informatico.

3. Nel caso previsto dal comma 2, l’attestazione di conformità può alternativamente essere apposta su un documento informatico separato e l’individuazione della copia cui si riferisce ha luogo esclusivamente secondo le modalità stabilite nelle specifiche tecniche stabilite dal responsabile per i sistemi informativi automatizzati del Ministero della giustizia. Se la copia informatica è destinata alla notifica, l’attestazione di conformità è inserita nella relazione di notificazione

Sostanzialmente, quindi, qualora il Difensore debba procedere alla notificazione di un atto nativo cartaceo, dovrà provvedere all’acquisizione – tramite scanner – della copia informatica del documento de quo, e poi alla redazione dell’attestazione di conformità che dovrà obbligatoriamente essere inserita all’interno della relata di notificazione.

Medesima procedura si applicherà al caso di copia digitale di atto o provvedimento estratto dal fascicolo telematico.

Si sottolinea come, dette copie informatiche, non dovranno essere sottoscritte digitalmente dall’avvocato, poiché la sottoscrizione dovrà essere presente unicamente nella relata di notificazione o su eventuali atti nativi digitali (ad esempio un atto di precetto) redatti direttamente dal professionista.

Infine, sul punto, per produrre correttamente l’attestazione di conformità all’interno della relata di notificazione, dovrà essere inserito il nome del file – relativo all’atto da attestare – per esteso e una breve descrizione del documento.

Diverso, e per certi versi opposto, è il caso relativo all’attestazione di conformità delle ricevute di notificazione via PEC.

L’art. 9 comma 1 bis e comma 1 ter, infatti, stabiliscono espressamente che:

“1bis. Qualora non si possa procedere al deposito con modalità telematiche dell’atto notificato a norma dell’articolo 3-bis, l’avvocato estrae copia su supporto analogico del messaggio di posta elettronica certificata, dei suoi allegati e della ricevuta di accettazione e di avvenuta consegna e ne attesta la conformità ai documenti informatici da cui sono tratte ai sensi dell’articolo 23, comma 1, del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82.

1-ter. In tutti i casi in cui l’avvocato debba fornire prova della notificazione e non sia possibile fornirla con modalità telematiche, procede ai sensi del comma 1-bis.”

Orbene, la frase “Qualora non si possa procedere al deposito con modalità telematiche”, presente nel comma 1bis e replicata nell’1ter, fa ragionevolmente presupporre come non si potrà sempre procedere all’attestazione di conformità delle stampe delle ricevute di pec di accettazione o consegna, posto che – per sussistere il potere di autentica in capo al notificante – dovrà essere inibito il deposito telematico dell’atto per quella tipologia di procedura (ad esempio dinanzi al Giudice di Pace).

Qualora dovessimo procedere ad un’attestazione di conformità relativa all’ultimo caso analizzato, potremo utilizzare – ad esempio – questo modello di conformità:

Io sottoscritto avv. ……… (CF………) del foro di ……… attesto, a norma dell’art. 9 comma 1bis l. 53 del 1994 e dell’articolo 23, comma 1, del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, la conformità della presente copia cartacea – composta da numero……….. pagine unite in un unico plico – dei seguenti documenti: messaggio email di notifica, ricevuta di accettazione della notifica, ricevuta di consegna della notifica,………………[specificare il tipo di atto notificato], relata di notificazione, …………..[eventuali ulteriori allegati alla notifica], ai rispettivi documenti informatici dal quale è stata estratta.

Data e luogo………                                                                                                                Avv. ………

 

A cura di Luca Sileni – Avv.to iscritto all’ordine di Grosseto referente informatico dell’ODA di Grosseto e Segretario del Centro Studi Processo Telematico

Email per categoria

Se vuoi essere aggiornato sui contenuti della rubrica "Processo civile telematico", lascia la tua mail.

Registrandoti confermi di aver letto ed accettato la privacy *