Lavoro e HR

Ti basta per leggerlo tutto

Diritto di precedenza ad hoc per gli stagionali

La disciplina del diritto di precedenza che, a ben individuate condizioni, opera a vantaggio dei lavoratori precedentemente assunti a tempo determinato, è contenuta nell’articolo 24 del decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81.

 

Tralasciando la generalità dei casi e le lavoratrici che hanno fruito del congedo di maternità nell’esecuzione di un contratto a tempo determinato, per i lavoratori stagionali vale quanto di seguito elencato:

  1. il diritto di precedenza va espressamente richiamato nell’atto scritto di assunzione;
  2. esso può essere esercitato a condizione che il lavoratore manifesti per iscritto la propria volontà in tal senso al datore di lavoro;
  3. il termine concesso al lavoratore per esercitare il diritto di precedenza è fissato in 3 mesi (non 6, come negli altri casi) dalla data di cessazione del rapporto di lavoro;
  4. per il lavoratore assunto a tempo determinato per lo svolgimento di attività stagionali, il diritto di precedenza opera con riguardo a nuove assunzioni a termine da parte dello stesso datore per le medesime attività stagionali;
  5. infine, il diritto si estingue una volta trascorso 1 anno dalla data di cessazione del rapporto.

Esempio

Rapporto “stagionale cessato il 31 dicembre 2019

Termine per esercitare il diritto di precedenza: 31 marzo 2020

Scadenza del diritto di precedenza: 31 dicembre 2020

Va infine evidenziato che, fino a quando il lavoratore, nel limite temporale di 3 mesi dalla data di cessazione del rapporto, non esercita per iscritto il diritto di precedenza, il datore di lavoro resta libero di assumere chi preferisce.

Email per categoria

Se vuoi essere aggiornato sui contenuti della rubrica "Lavoro e HR", lascia la tua mail.

Registrandoti confermi di aver letto ed accettato la privacy *