news

Acquisti su Instagram

Acquisti su Instagram

07/06/2018
Idee digitali

Come funzionano i tag Shopping?

 


A partire da aprile 2018, dopo una prima fase di sperimentazione negli Stati Uniti, è arrivata anche in Italia la possibilità di poter implementare un tag shopping sui propri post di Instagram.

 

Instagram rappresenta uno dei trend del 2018 e raggiungere il proprio target su questa piattaforma risulta sempre più strategico per il proprio brand, soprattutto

in termini di conversioni.

 

Per una piccola e media impresa con un e-commerce che vuole iniziare o utilizza già i metodi di sponsorizzazione di Instagram, il tag shopping potrebbe essere molto funzionale in tal senso perché consente ai profili aziendali di vendere i propri prodotti direttamente dal profilo.

 

Vediamo insieme in cosa consiste il tag shopping e come crearlo.

 

Innanzitutto per poter creare un tag shopping bisogna possedere un profilo business, il passaggio dal profilo personale a quello business è molto semplice come vi abbiamo già mostrato in questo articolo.

 

Un altro elemento fondamentale per poter accedere al tag shopping è avere una vetrina prodotti sulla pagina Facebook che sia collegata al profilo Instagram, infatti i due social lavorano sempre di più in parallelo.

 

I prodotti potranno essere selezionati solo tra quelli presenti in vetrina all’interno della pagina Facebook e devono essere dei beni fisici conformi alle normative di Instagram, in futuro probabilmente sarà data la possibilità di utilizzare i tag shopping anche con i servizi ma per adesso non è ancora consentito.

 

Dopo avere configurato il proprio account in modo che siano soddisfatte le tre condizioni precedenti, Instagram potrebbe aver bisogno di qualche giorno per approvare la vostra richiesta. Una volta approvata, nelle impostazioni del profilo comparirà la voce Shopping su cui potrete cliccare per collegare un catalogo di prodotti al profilo aziendale.

 

Completata questa prima fase, sarà possibile aggiungere il tag shopping ai propri post, per farlo si dovrà selezionare una foto, toccare i prodotti presenti in foto e che si desidera taggare ed inserire i nomi dei prodotti da selezionare tra quelli disponibili nella casella di ricerca.

 

Si possono taggare i prodotti nei post nuovi ed esistenti dal proprio profilo aziendale di Instagram fino ad un massimo di 5 prodotti per post con immagine singola o 20 prodotti per post con più immagini.

 

Instagram dà inoltre la possibilità di modificare o eliminare i prodotti taggati nei post con immagine singola, mentre per i post con più immagini non è consentito modificare o eliminare i prodotti taggati dopo che il post è stato pubblicato.

 

Bisogna tener presente che nel caso in cui si decida di eliminare un prodotto dalla vetrina su Facebook o dal catalogo prodotti associato al proprio profilo aziendale, il tag collegato viene eliminato dai post in cui il prodotto è taggato, perdendo anche i dati statistici relativi al tag che è stato cancellato.

 

Questa nuova funzione presenta due importanti vantaggi: con un semplice clic sul prodotto taggato, gli utenti potranno consultare alcune informazioni come il nome del prodotto e il prezzo per poi cliccare e atterrare all’interno dell’e-commerce.

 

Inoltre, su Instagram non è possibile inserire dei link esterni, ad accezione del link in Bio e nelle stories degli utenti che hanno più di 10.000 followers.

Questo tool potrebbe quindi favorire la possibilità di utilizzo di Instagram, non solo per far conoscere il brand, ma anche per puntare di più sulle conversioni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Idee digitali è la nuova rubrica del portale Sistemiamo l’Italia, pensata con l’obiettivo di offrire agli studi professionali e alle PMI consigli utili su come utilizzare i social network e sfruttare le possibilità offerte dal web per migliorare la comunicazione digitale, apportando vantaggi alla propria professione.

A cura di Eggers 2.0.

Comments are closed.