Innovazione digitale

Tempo di lettura:

Tempo di lettura:

Aggiornamento degli schemi ministeriali – marzo 2018

Come annunciato con un recente comunicato del Ministero di Giustizia (integralmente consultabile a questo link) sono stati rilasciati i nuovi schemi XSD per il deposito degli atti telematici nel processo civile.
Grazie a questo recente aggiornamento sarà possibile iscrivere telematicamente il procedimento per la richiesta di accesso al Fondo di solidarietà a tutela del coniuge in stato di bisogno (di cui alla Legge 28 dicembre 2015 n. 208 e Legge di stabilità 2016 art. 1 c.414-416).
Al fine di consentite il perfezionamento dell’iscrizione di tale nuovo procedimento, che potrà essere depositato tramite la selezione dell’atto “ricorso”, è stato introdotto il codice oggetto “411670” (denominato “Fondo solidarietà ex L. 208/2015”) all’interno del registro della Volontaria Giurisdizione.
Si precisa che tali nuove funzionalità saranno disponibili per le cancellerie del distretto di Corte d’Appello di Milano e per quelle del distretto di Corte d’Appello di Napoli a partire dal 12 marzo 2018, mentre a partire dal 26 marzo 2018 per tutti gli altri distretti.
Al fine di consentire gli aggiornamenti sopra riportati, il Ministero della Giustizia – con nota del 2 marzo ultimo scorso – ha annunciato un fermo dei servizi informatici del settore civile con le seguenti modalità:

  • per gli uffici del distretto della Corte d’Appello di Milano e del distretto della Corte d’Appello di Napoli, dalle ore 17:00 del giorno 9 marzo e sino, presumibilmente, alle ore 08:00 del giorno 12 marzo;
  • per tutti gli altri uffici giudiziari compresi i Giudici di Pace dalle ore 17:00 del giorno 23 marzo e sino, presumibilmente, alle ore 08:00 del giorno 26 marzo.

Tale fermo non riguarderà le attività di deposito degli atti telematici.
 
 
A cura di Luca Sileni – Avv.to iscritto all’ordine di Grosseto referente informatico dell’ODA di Grosseto e Segretario del Centro Studi Processo Telematico

Email per categoria

Se vuoi essere aggiornato sui contenuti della rubrica "Innovazione digitale", lascia la tua mail.

Registrandoti confermi di aver letto ed accettato la privacy *