news

Processo Tributario Telematico – <br> Conversione dei file TIFF e PDF

Processo Tributario Telematico –
Conversione dei file TIFF e PDF

20/03/2019
Digitalizzazione

Come è noto, nel Processo Tributario Telematico risultano essere particolarmente stringenti i limiti dei formati ammessi per il deposito digitale.

In particolare, il Decreto Ministero delle Finanze 4 agosto 2015 stabilisce che gli atti principali dei depositi telematici debbano obbligatoriamente essere PDF/A-1a o PDF/A-1b, mentre gli allegati in formato PDF/A-1a o PDF/A-1b, oppure TIFF con una risoluzione non superiore a 300 DPI, in bianco e nero e compressione CCITT Group IV (modalità Fax).

Orbene, non tutti gli operatori del diritto sono riusciti con facilità a rispettare gli standard de quibus, proprio per tale ragione, il MEF ha messo a disposizione degli utenti uno specifico strumento di analisi e conversione dei documenti da depositare.

Sul sito della Giustizia Tributaria, difatti, è stato pubblicato pochi giorni fa il seguente comunicato: “Nell’area riservata del PTT è disponibile il servizio di verifica e conversione file TIF/TIFF e PDF/A. La nuova funzionalità, pensata per agevolare l’utenza in fase di preparazione degli atti, permette di verificare il formato, la dimensione ed il nome del documento, nonché di trasformarlo in formato PDF/A, ai fini della conservabilità.

Nel dettaglio, una volta effettuato l’accesso all’area riservata del PTT si dovranno scegliere i “Servizi di verifica e conversione file” e selezionare il documento su cui operare. Il sistema  procede -quindi- a verificare che il file sia in formato PDF, PDF/A oppure TIF/TIFF, che il nome non superi i 100 caratteri e che la sua dimensione non superiori i 10MB.

All’esito della prima verifica, viene fornita all’utente la possibilità di convertire il proprio documento in un formato idoneo alla conservazione (PDF/A).”

Si consiglia quindi a tutti i professionisti che si apprestino a depositare telematicamente un atto tributario, a verificare preventivamente gli standard dei file tramite l’applicativo messo a disposizione da parte del Ministero.

 

 

 

 

 

 

A cura di Luca Sileni – Avv.to iscritto all’ordine di Grosseto referente informatico dell’ODA di Grosseto e Segretario del Centro Studi Processo Telematico

Comments are closed.