news

Quanto è importante la formazione in azienda?

Quanto è importante la formazione in azienda?

15/02/2017
Gestione delle Risorse Umane

Formare significa infondere metodologie, condividere strumenti e stimolare cambiamenti nella struttura dell’esperienza per generare dei comportamenti ‘allineati’ con i valori del sistema aziendale  di cui fanno parte.

La formazione del personale aumenta il valore dell’impresa, migliora l’immagine aziendale, aumenta la motivazione del personale.

Al termine formazione è possibile associare almeno tre concetti diversi:

1. investimento nel futuro: la formazione non è un costo ma un investimento a lungo termine

2. cambiamento: processo di trasformazione individuale e aziendale,

3. crescita: organizzare in maniera ottimale il lavoro per essere più produttivi e sviluppare nuove potenzialità

La ricerca Cranet 2015, documento di riferimento per chi si occupa di Hr, evidenzia come nel corso degli ultimi 5 anni la formazione e lo sviluppo delle risorse umane abbiano  ricominciato a crescere e, come dalla ricerca esterna dei candidati, si sia passati ad una ricerca interna alle organizzazioni grazie ad un censimento delle capacità e degli skills individuali.

Dal 2009 al 2015 le giornate medie dedicate alla formazione sono passate da 3 a 5. Anche i fondi utilizzati hanno subito un incremento rilevante: la percentuale del costo retributivo annuo investito, è passato da <=1% nel 59% delle aziende private nel 2009, a oltre l’1% nel 63% delle aziende nel 2015, con un 23% di aziende che dedica anche più del 3% del costo retributivo annuo agli investimenti in formazione.

Ma la formazione di per se’, è un singolo evento oppure un processo strutturato? E cosa cambia  tra le due diverse visioni?

giorni di formazione annui

Sicuramente fare il focus sulla formazione in quanto evento singolo consente di definire un valore economico e delimitare il perimetro di azione. Una visione di questo tipo, tesa a semplificare il concetto stesso di “formazione”, consente di evidenziare due vantaggi immediati:

  1. Definisce quale ritorno effettivo aspettarsi dall’investimento formativo,
  2. individua delle vere e proprie strategie per massimizzare l’investimento relativo al singolo evento formativo nell’ambito dell’azienda.

In quest’ottica la formazione è considerata più un mezzo che un fine,  diventa un servizio da confezionare su misura e non una strategia da pianificare. Le attività formative, sono in realtà solo un tassello degli innumerevoli processi manageriali che caratterizzano la vita dell’organizzazione.   La formazione è in realtà un  processo strutturato , uno degli elementi fondamentali in grado di garantire la competitività e la flessibilità delle aziende nell’attuale contesto economico, e per questo motivo dovrebbe essere considerata un investimento a lungo termine e non un costo.

Non bisogna dimenticare che  le finalità della formazione sono rivolte, per la maggior parte, all’aumentare il livello di competenza delle risorse, a ridurre eventuali lacune e  a sviluppare i talenti dei dipendenti.  Per definire correttamente il processo formativo, è necessario:

  • analizzare i  bisogni formativi;
  • progettare la  formazione e le modalità di erogazione al personale;
  • valutare i risultati;
  • revisionare il  processo se necessario.

 

La  mappatura del processo di formazione  è indispensabile per comprendere “cosa serve, a chi, e come erogare la formazione e in funzione di quali obiettivi”.

mappatura del processo di formazione

La definizione di un processo formativo strutturato è supportata da JOB/Risorse, la soluzione Sistemi per la gestione delle Risorse Umane.

JOB/Risorse consente di definire specifici percorsi formativi e monitorare la corretta ed efficiente allocazione delle risorse all’interno della struttura organizzativa e individuare eventuali azioni correttive. Vuoi saperne di più?

 

Fonte:  La gestione delle Risorse Umane in Italia – Report dei risultati della ricerca Cranet 2015

 

Monica Camera – Marketing di prodotto JOB in Sistemi S.p.A.

 

Comments are closed.