news

Nuova versione delle specifiche tecniche <br> della fattura elettronica

Nuova versione delle specifiche tecniche
della fattura elettronica

11/04/2019
Digitalizzazione

Pubblicata la versione 1.4.1 delle specifiche tecniche inerente le regole di processo della fattura elettronica, che dal 8 aprile scorso hanno sostituito le precedenti e che contengono almeno 5 importanti novità:

 

  • In caso di trasmissione a SDI tramite SFTP di file maggiori di 150 megabyte, questi verranno rinominati, non saranno prelevati e verrà inviata una segnalazione via email all’indirizzo del referente tecnico del sottoscrittore contenuto nella richiesta di accreditamento;

 

  • In caso di trasmissione da SDI al destinatario tramite PEC, SDI considera fallita la trasmissione, invia una ricevuta di impossibilità di recapito (MC) e mette la fattura a disposizione nell’area autenticata dei servizi telematici del cessionario/committente, se:
    • riceve dal gestore di posta del destinatario una notifica di mancata consegna;
    • non riceve alcuna comunicazione da parte del gestore di posta del destinatario entro un tempo massimo di 40 ore.

 

  • In caso di trasmissione da SDI al destinatario tramite WEB SERVICE, SDI effettua fino ad un massimo di 3 tentativi di trasmissione, uno ogni 4 ore, al termine dei quali considera fallita la trasmissione, invia una ricevuta di impossibilità di recapito (MC) e mette la fattura a disposizione nell’area autenticata dei servizi telematici del cessionario/committente;

 

  • In caso di trasmissione da SDI al destinatario tramite SFTP, questa avviene mediante la messa a disposizione di un supporto di tipo “FO” contenuto nella directory di scambio. La data/ora in cui termina con successo la trasmissione del supporto viene riportata nelle Ricevute di Consegna che SDI invia relativamente ai file fattura consegnati;

 

  • La ricevuta di scarto viene recapitata entro 5 giorni dalla ricezione della fattura elettronica, e la suddetta data corrisponde:
    • in caso di PEC, con la data e ora presenti all’interno della ricevuta di consegna inviata al soggetto trasmittente dal suo gestore di PEC;
    • in caso di WEB SERVICE, con la data e ora presenti all’interno della “response” del servizio esposto da SDI;
    • in caso di SFTP, con la data e ora di fine prelevamento, sempre che l’operazione termini con successo.

 

 

 

Link: www.agenziaentrate.gov.it

 

 

 

 

Umberto Zanini, Dottore Commercialista e Revisore Legale

Comments are closed.