Fatturazione elettronica

Ti basta per leggerlo tutto

Ti basta per leggerlo tutto

Primi dati ufficiali dopo l’avvio dell’obbligo
di fatturazione elettronica

Con il comunicato stampa dello scorso 19 febbraio, l’Agenzia delle Entrate ha diramato i dati inerenti l’obbligo di fatturazione elettronica introdotto con effetto dal 1° gennaio 2019.
In particolare, con riguardo al periodo 1° gennaio – 18 febbraio, dal sistema di intercambio sono transitati 228 milioni di file, con una percentuale di scarto del 4,43%, e quindi molto bassa.
 
I soggetti Iva che hanno inviato almeno una fattura sono stati 2,3 milioni, mentre sono stati 3,6 milioni coloro che si sono registrati al SDI per comunicare l’indirizzo telematico a cui inviare le fatture elettroniche, e 3,3 milioni i QR code scaricati utili a comunicare i dati al fornitore.
 
Non sono stati diffusi invece i dati inerenti i diversi canali utilizzati per trasmettere/ricevere le fatture elettroniche al/dal SDI, e quindi riporto di seguito i dati che erano stati comunicati dalla stessa Agenzia delle Entrate qualche giorno prima nell’ambito di un incontro sull’argomento:
 

  • canale FTP 57%
  • canale web service 40%
  • PEC 2,5%
  • portale Agenzia delle Entrate 0,5%

 
Dopo 50 giorni dall’avvio dell’obbligo, ritengo che non vi siano stati rilevanti problemi di tenuta del sistema di interscambio, mentre quello che ho riscontrato, è la presenza di problemi nell’invio (e nella ricezione) nei caso di impiego del canale FTP, dato che diversamente dagli altri canali (e.g. WS e PEC), il funzionamento è basato sull’accesso alla directory del nodo (server del provider) ad opera del SDI per prelevare i file cifrati, e qualora questo non avvenisse secondo i calendari prestabiliti, nella software house si creano lunghe code di invio, oppure situazioni ove la fattura non è mai arrivata alla software house mentre è reperibile nell’area “Fatture e corrispettivi”.
 
Molti aspetti dovranno essere migliorati, sia da parte di Sogei (come per esempio la possibilità di esportare in modo massivo ed in tempo reale i file delle fatture dall’area “Fatture e corrispettivi”), che da parte delle software house (come per esempio soluzioni efficienti per tracciare le anomalie fiscalmente non rilevanti contenute nelle fatture elettroniche di acquisto), ma quello che è importante è che la piattaforma SDI abbia resistito alla prima ondata di file.
 
 
Link: www.agenziaentrate.gov.it
 
 
 
 
 
Umberto Zanini, Dottore Commercialista e Revisore Legale

Email per categoria

Se vuoi essere aggiornato sui contenuti della rubrica "Fatturazione elettronica", lascia la tua mail.

Registrandoti confermi di aver letto ed accettato la privacy *