Processo civile telematico

Ti basta per leggerlo tutto

Ti basta per leggerlo tutto

Disposizioni in materia di PCT in tempo di emergenza Coronavirus

L’emergenza relativa al COVID19 ha portato il nostro Governo all’emanazione di ulteriori provvedimenti volti a scongiurare l’ulteriore diffondersi della malattia.

Se, da un lato, gli studi professionali resteranno comunque aperti in virtù del recente DPCM 22 marzo 2020 (interamente consultabile a questo link), dall’altro sono stati previsti specifici strumenti per lo svolgimento dell’attività professionale in questi mesi di emergenza.

La maggior parte di tali strumenti e soluzioni – per quanto attinente alla nostra materia – sono state inserite all’interno dell’art. 83 del Decreto Legge 18/2020 (il cui testo integrale è consultabile a questo link).

In primis il Governo ha fissato tre importanti provvedimenti di sospensione:

  1. Dal 9 marzo 2020 al 15 aprile 2020 le udienze dei  procedimenti civili e penali pendenti presso tutti gli uffici giudiziari sono rinviate d’ufficio a data successiva al 15 aprile 2020.
  2. Dal 9 marzo 2020 al 15 aprile 2020 è sospeso il decorso dei termini per il compimento di qualsiasi atto dei procedimenti civili e penali.
  3. Per il periodo di efficacia dei provvedimenti di cui ai commi 5 e 6 (e quindi dal 9 marzo al 15 aprile e poi dal 15 aprile al 30 giugno) che precludano la presentazione della domanda giudiziale è sospesa la decorrenza dei termini di prescrizione e decadenza dei diritti che possono essere esercitati esclusivamente mediante il compimento delle attività precluse dai provvedimenti medesimi.

Questi tre provvedimenti di sospensione comporteranno:

  1. lo slittamento di tutte le udienze civili e penali oggi fissate entro il 15 aprile 2020 a data successiva; ciò ad eccezione di quelle udienze relative ai procedimenti espressamente previsti al comma 3 del suddetto articolo 83;
  2. la sospensione del decorso di ogni termine processuale relativo a tutti i procedimenti civili e penali che non rientrino nelle eccezioni di cui al già citato comma 3;
  3. la sospensione della decorrenza dei termini di prescrizione e decadenza di quei diritti che possano essere esercitati solamente attraverso una di quelle attività per cui è sospeso lo svolgimento (si pensi ad esempio all’esercizio dell’azione tramite atto di citazione).

Per quanto attiene al Processo Civile Telematico, invece, l’art. 83 comma 11 espressamente prevede: “dal 9 marzo 2020 al 30 giugno 2020, negli uffici che hanno la disponibilità del servizio di deposito telematico anche gli  atti  e documenti di cui all’articolo 16-bis, comma 1-bis, del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221, sono depositati esclusivamente con le modalità previste dal comma 1 del medesimo articolo. Gli obblighi di pagamento del contributo unificato di cui all’articolo 14 del decreto del Presidente della  Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, nonché l’anticipazione forfettaria di cui  all’articolo 30 del medesimo decreto, connessi al deposito degli atti con le  modalità  previste dal periodo precedente, sono assolti con sistemi  telematici di pagamento anche tramite  la piattaforma tecnologica di cui all’articolo 5, comma 2, del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82.”

Ogni atto civile da depositarsi sino al 30 giugno 2020 – indipendentemente dalla tipologia – dovrà essere trasmesso all’amministrazione con modalità telematiche e lo stesso dovrà essere fatto per la ricevuta del pagamento del contributo unificato, per il quale – però – non potrà più essere utilizzato il sistema della “marca da bollo” ma unicamente il versamento digitale.

Oltre a questo, poi, il Governo ha previsto che, per il periodo dal 16 aprile al 30 giugno, i capi degli uffici giudiziari – di concerto con il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di riferimento e con il Presidente della Giunta Regionale – potranno adottare specifiche modalità di fissazione e svolgimento delle udienze anche ricorrendo, come previsto dal comma 7 lettera f) dell’art. 83 D.L. 18/2020, alla videoconferenza o, come previsto dalla lettera h) del medesimo comma, allo scambio di note scritte da depositarsi in via telematica.

I singoli Tribunali, ad esempio, potranno prevedere il deposito telematico di foglio di precisazione delle conclusioni a cura delle parti, ciò in sostituzione della classica udienza di P.C.; deposito a cui potrà seguire specifica ordinanza del Giudice Istruttore in relazione alla concessione dei termini di cui all’art. 190 c.p.c.

Dall’obbligatorietà del ricorso agli strumenti telematici sono logicamente i procedimenti pendenti presso il Giudice di Pace e la Suprema Corte di Cassazione, i cui uffici non hanno ancora attivato i canali di comunicazione idonei a permettere tale forma di deposito degli atti processuali.

Email per categoria

Se vuoi essere aggiornato sui contenuti della rubrica "Processo civile telematico", lascia la tua mail.

Registrandoti confermi di aver letto ed accettato la privacy *