Fatturazione elettronica

Tempo di lettura:

Tempo di lettura:

TD16: una procedura adottabile

Molte aziende e studi professionali hanno iniziato a utilizzare il TD16 nei casi di ricezione di fatture elettroniche soggette alla disciplina dell’inversione contabile. Ma quale potrebbe essere una soluzione adottabile? Qual è la tempistica di trasmissione del TD16? Quali sono le eventuali criticità da evitare? In questo articolo andremo a dare una risposta a tutte queste domande.

L’art. 17, comma 6, DPR 633/72, elenca una serie di operazioni soggette alla disciplina dell’inversione contabile, quale per esempio le prestazioni di servizi di pulizia, di demolizione e di installazione di impianti di completamento relativi a edifici, oppure le cessioni di console da gioco, tablet PC e laptop, oppure la cessione di gas e di energie elettrica a un soggetto passivo rivenditore.

In tutti questi casi, l’art.17, comma 5, DPR 633/72, prevede che la “La fattura, emessa dal cedente senza addebito d’imposta, con l’osservanza delle disposizioni di cui agli articoli 21 e seguenti e con l’annotazione «inversione contabile» e l’eventuale indicazione della norma di cui al presente comma, deve essere integrata dal cessionario con l’indicazione dell’aliquota e della relativa imposta e deve essere annotata nel registro di cui agli articoli 23 o 24 entro il mese di ricevimento ovvero anche successivamente, ma comunque entro quindici giorni dal ricevimento e con riferimento al relativo mese; lo stesso documento, ai fini della detrazione, è annotato anche nel registro di cui all’articolo 25”.

Con l’introduzione dal 2019 dell’obbligo di fatturazione elettronica centralizzato gestito direttamente dall’Agenzia delle Entrate, molte aziende hanno gestito le e-fatture di acquisto in inversione contabile seguendo le medesime procedure di quando le fatture erano su carta, e quindi:

  1. Stampa su carta della fattura elettronica di acquisto;
  2. Annotazione sulla copia cartacea dell’aliquota e dell’imposta;
  3. Registrazione della fattura nel registro IVA acquisti entro il mese di ricevimento oppure anche successivamente, ma comunque entro quindici giorni dal ricevimento e con riferimento al relativo mese;
  4. Contestuale registrazione del medesimo documento nel registro IVA vendite;
  5. Conservazione digitale della fattura elettronica di acquisto e conservazione della copia cartacea della medesima fattura con l’annotazione dell’aliquota e dell’imposta.

Premesso che è comunque possibile continuare a utilizzare la suddetta procedura, con le nuove specifiche tecniche del tracciato della fattura elettronica,  è possibile digitalizzare il documento ove annotare l’aliquota e l’imposta, inviando al sistema di interscambio un file contrassegnato con il codice TD16 (Integrazione fattura reverse charge interno).

Prima di esaminare come potrebbe svolgersi la produzione e la trasmissione del documento TD16, vanno rilevati almeno tre aspetti:

  • l’utilizzo del documento TD16 è una facoltà e non un obbligo, e qualora trasmesso andrà ad alimentare in modo puntuale le bozze dei registri IVA acquisti e vendite, diversamente si dovrà intervenire manualmente per integrare le informazioni mancanti;
  • il documento TD16 non è una fattura, ma un documento rilevante ai fini fiscali che consente di comunicare al sistema di interscambio le informazioni riguardanti le operazioni soggette alla disciplina del reverse charge;
  • il documento TD16 può essere firmato digitalmente, e quindi, così come per le fatture elettroniche, è sempre possibile inoltrare un TD16 non firmato digitalmente.

Passando a esaminare una possibile procedura adottabile riguardante per esempio la produzione e trasmissione del documento TD16 inerente la prestazione ricevuta da un’impresa di pulizie, questa può essere riassunta nelle seguenti 5 fasi:

  1. Ricezione della fattura elettronica TD01 dal sistema di interscambio, riportante nel campo <Natura> il codice N6.7 (inversione contabile – Prestazioni comparto edile e settori connessi);
  2. Registrazione nel sistema contabile della fattura con indicazione di aliquota e imposta, che sarà annotata nel registro IVA degli acquisti (o apposito sezionale), e da eseguirsi entro il mese di ricevimento, ovvero anche successivamente ma comunque entro 15 giorni dal ricevimento e con riferimento al relativo mese;
  3. Contestuale registrazione, eseguita automaticamente dal sistema contabile, della medesima fattura nel registro IVA delle fatture di vendita (o apposito sezionale);
  4. A seguito della doppia registrazione eseguita nel registro degli acquisti e delle vendite, produzione da parte del sistema contabile del documento TD16 che riporterà, oltre all’imponibile e all’imposta, anche le seguenti informazioni:
    • nel campo <CedentePrestatore> i dati del fornitore, cioè dell’impresa di pulizie;
    • nel campo <CessionarioCommittente> il soggetto IVA che ha ricevuto la prestazione e che si accinge a trasmettere il documento TD16;
    • nel campo <Data>, la data di ricezione dal sistema di interscambio della fattura reverse charge oppure una data ricadente nel mese di ricezione;
    • nel campo <Numero>, il numero del documento progressivo attribuito nel registro IVA vendite (o apposito sezionale);
    • nel campo <DatiFattureCollegate> il codice IDSdI reperibile nel file metadati pervenuto dal sistema di interscambio (codice alfanumerico che può raggiungere 36 caratteri), oppure il numero e la data della fattura originale se cartacea;
  5. Trasmissione del documento TD16 al sistema di interscambio, possibilmente entro la fine del mese indicato nel campo <Data>.

Da rilevare infine che è opportuno considerare ulteriori tre aspetti:

  1. In caso di ricezione dal fornitore di una nota di credito (TD04), si dovrà trasmettere un TD16 con segno negativo;
  2. È sempre possibile non inserire nel campo <DatiFattureCollegate> il codice IDSdI  della fattura elettronica ma inserire il numero e la data della fattura; in questo caso le precompilate IVA non saranno alimentate correttamente, e si dovrà intervenire a rettificare le bozze dei registri IVA acquisti e vendite;
  3. È possibile utilizzare il documento TD16 anche con riguardo alle fatture cartacee.
Email per categoria

Se vuoi essere aggiornato sui contenuti della rubrica "Fatturazione elettronica", lascia la tua mail.

Registrandoti confermi di aver letto ed accettato la privacy *