news

Lavoro autonomo: conversione in agguato per chi impartisce ordini

Lavoro autonomo: conversione in agguato per chi impartisce ordini

01/12/2014
Gestione delle paghe

Rispettare alla lettera la norma di legge sulle presunzioni, ossia l’articolo 69-bis del D.Lgs. n. 276/2003, potrebbe non risultare sufficiente. Infatti, come precisato dal Ministero del lavoro (si veda la circolare 27 dicembre 2012, n. 32), il sistema delle presunzioni rappresenta in buona sostanza uno strumento che ha l’effetto di invertire l’onere della prova circa la non sussistenza di una collaborazione coordinata e continuativa a progetto o di un rapporto di lavoro di natura subordinata a carico del committente/datore di lavoro.

Tuttavia, sempre secondo il Ministero, tale strumento non inficia in alcun modo la possibilità, da parte del lavoratore autonomo o del personale ispettivo, di far valere “direttamente” un rapporto di subordinazione ai sensi dell’art. 2094 del codice civile ove sussistano gli “ordinari” criteri di qualificazione e i relativi indici sintomatici. Non solo, la circolare precisa anche che le disposizioni contenute nell’art. 69-bis non rappresentano l’unico strumento per ricondurre un rapporto di natura autonoma nell’alveo di una prestazione più strutturata di collaborazione a progetto o di subordinazione ma rappresentano un “mero espediente” che semplifica tale possibilità mediante l’utilizzo di un meccanismo di carattere presuntivo.

A tale proposito, la giurisprudenza – si veda, per esempio, Cass. 13 ottobre 2014, n. 21580 – afferma che il lavoro è subordinato ogni volta in cui si accerti l’assoggettamento del prestatore al potere organizzativo, gerarchico e disciplinare esercitato da parte del datore di lavoro, senza che possano ritenersi di per se stessi decisivi, per la prova della natura subordinata di un rapporto di lavoro, elementi quali la continuità e il coordinamento della prestazione, l’osservanza di un orario di lavoro e il pagamento di un compenso erogato con cadenze temporali fisse.

 

A cura di Alberto Bosco – Esperto di diritto del lavoro, Giuslavorista, Pubblicista de Il Sole24Ore. Consulente aziendale e formatore

Comments are closed.